gio

19

feb

2015

Meglio il telaio in acciaio o in alluminio?

La risposta è molto semplice. Fai agonismo? Devi usare la bici in competizioni sportive? Se non è questo il tuo caso ed invece userai la bici semplicemente in città, per andare al lavoro o per divertirti pedalando, allora il telaio migliore è certamente quello in acciaio. Perché?

Le bici a scatto fisso sono nate come bici da pista. Si stanno diffondendo velocemente per l'uso in città, perché sono minimaliste, leggere, colorate e montano piacevoli cerchi.

Essendo di derivazione pista, le bici fixed sono, come quelle da corsa, rigide: pneumatici ad alta pressione duri e rigidi; sella senza molloni di ammortizzazione; niente cambio, per cui la trasmissione dai pedali alla ruota posteriore è rigida e senza gioco; la stessa posizione del manubrio porta a spostarsi un po' in avanti ed appoggiarsi sulle braccia tenute piuttosto tese ed un po' rigide anch'esse.

Le bici a scatto fisso sono state concepite per essere molto rigide in pista in modo che la spinta sui pedali NON possa essere assorbita minimamente dalla flessibilità della struttura. In questo modo la spinta sui pedali si trasforma interamente in avanzamento e corsa sulla pista. Ma la pista è piatta e filante come una lastra di vetro, non ha asperità, avvallamenti e tantomeno buche che restituiscano questa rigidità in forma di tremendi colpi alla bici e al ciclista; così, tutto fila liscio.

 

Le bici a scatto fisso da pista hanno ANCHE il telaio in alluminio. L'alluminio è leggero ed è anche MOLTO rigido e questo aiuta ancora di più ad avere una bici da competizione perfetta.

 

Però il telaio, assieme alle ruote, è il più importante elemento di trasmissione delle vibrazioni dal fondo stradale al ciclista; se il fondo è una pista, non c'è nessun problema, ma se è una strada di città cambia tutto.

In città le strade hanno asperità, dislivelli, buche e discontinuità di tutti i tipi (per non parlare di fondi con sampietrini e simili). Sulle strade di città, le bici a scatto fisso (rigide come sono) e con i loro pneumatici ad alta pressione le "senti"; se ci aggiungi anche un telaio rigido in alluminio, durante la passeggiata ti scuoti tutto e ti danneggi la schiena.

Il telaio in acciaio, invece, è flessibile ed assorbe molta parte degli urti che arrivano dalla strada, evitando che si scarichino sul ciclista.

 

Noi di Margot Cycling in passato abbiamo fatto delle bici a scatto fisso con telaio in alluminio; pesavano ancora meno delle attuali già molto leggere, ma, per quanto descritto, non le vogliamo fare più.

 

La direzione di Margot Cycling è esattamente opposta a quella di chi usa i telai in alluminio. Infatti siamo i primi in Italia (e ci risulta ancora gli unici) a montare di serie dei copertoni appena un po' più spessi (da 28mm e non da 23 o 25mm come altri produttori) per "ridurre la rigidità" della bici e renderla più adatta alla città, visto che la gente la usa in città e non su pista.

Oggi la gente acquista la bici fixed perché ha una bella linea di moda e non per competere su pista. Allora preferiamo che la gente usi la bici in città con comfort. Il peso farebbe la vera differenza solo nell'uso competitivo; ma chi compra una scatto fisso per competizione va su bici che superano i 1500€ e non acquista una bella e comoda Margot.

gio

19

feb

2015

Scatto fisso, ruota libera e contropedale.

"Che differenza c'è fra scatto fisso, ruota libera e contropedale? E cosa è il mozzo flip-flop?"

Il mozzo flip-flop è un dispositivo che consente ad una bici di andare sia a ruota libera (cioé come una comune bici) che a scatto fisso.

 

MOZZO FLIP-FLOP

Il mozzo della ruota posteriore (cioè l’asse centrale della ruota da cui partono i raggi), è flip-flop quando su OGNUNA delle due estremità abbia una coroncina per l'aggancio della catena e quando queste due coroncine siano una fissa e l'altra libera di ruotare. Più esattamente:

- una è montata su un cuscinetto a sfere per cui è libera di ruotare in modo indipendente dalla ruota (consente, ad esempio, di ruotare i pedali all’indietro mentre la bici sia ferma o avanzi);

- l’altra coroncina, invece, non ha il cuscinetto per cui è bloccata sul mozzo (fissa), cioè vincolata alla ruota nei movimenti. Si muove SEMPRE insieme alla ruota ed alla sua stessa velocità, in avanti o indietro che sia; allo stesso modo come rimane ferma se la ruota è ferma.

Quando la ruota posteriore viene montata in modo che la catena sia agganciata sulla coroncina libera di ruotare (quindi quella montata sul cuscinetto a sfere), abbiamo la facoltà di tenere i pedali fermi ed anche farli ruotare all'indietro mentre la bici avanza. Questa è la modalità "ruota libera“ (o "scatto libero”), tipica di tutte le "comuni" bici.

Quando, invece, la ruota posteriore venga montata in posizione invertita e cioè in modo che la catena si agganci alla corona fissa (quella bloccata sulla ruota), i pedali e la ruota posteriore potranno muoversi SOLO insieme (stessa direzione e stessa velocità), in modo solidale: in avanti insieme, indietro insieme, o fermi entrambi. Questa è la modalità “scatto fisso”.

Il passaggio da modalità "ruota libera" a modalità "scatto fisso" e viceversa va fatto smontando la ruota ed invertendola e non avviene, come alcuni immaginano, con una specie di leva del cambio su cui agire mentre si sia in corsa. Lo "scatto fisso" è una scelta di guida pressoché permanente, è un modo di concepire la bici e non un'alternativa di qualche minuto come la scelta fra due differenti rapporti di cambio. 

 

GUIDARE A SCATTO FISSO.

Mentre la guida a “ruota libera” è quella solita, ben nota e non necessita di commenti, la guida a “scatto fisso” ha delle particolarità significative:

- quando la bici avanza, i pedali (e quindi le GAMBE!) si muovono sempre anch’essi;

- si frena agendo sui pedali, cioè rallentandoli fino a bloccarli per avere il blocco della bici;

- si può andare anche in retromarcia (basta pedalare all’indietro).

I puristi dello scatto fisso, tolgono entrambi i freni alla bici ed usano solo i pedali per frenare. Altri tolgono solo il freno posteriore perché andrebbe in sovrapposizione con la frenata che si esercita agendo sui pedali. C’è poi chi, per provare le prime volte ed imparare, lascia montato anche il freno posteriore per sicurezza.

Guidare a scatto fisso, implica concentrarsi NON su ciò che stia avvenendo in quel momento alla guida (“… ora c’è un ostacolo, ora devo rallentare, ora freno”), ma essere in anticipo di qualche secondo e prevedere cosa potrà accadere per avere il tempo di rallentare o arrestarsi ("... quel pedone non sta attraversando, non ancora, ma magari sta per farlo, lo tengo d'occhio e mi preparo a rallentare se dovesse farlo"). Guidare a scatto fisso implica una buona muscolatura per la frenata ed i muscoli interessati sono differenti da quelli utilizzati per la spinta sui pedali; non è detto che un discreto pedalatore (in avanti!) li abbia già forti abbastanza.

Chi non ha mai provato lo scatto fisso e voglia farlo, è bene che inizi in un'area privata e tenendo montato assolutamente ALMENO il freno anteriore. Per chi è alle prime armi, oltre a "pensare in anticipo" a cosa potrà accadere per avere tempo di rallentare la bici, particolare attenzione va posta nelle discese (rampe dei garage, meglio evitarle!) dove i pedali partono, scuotono le gambe ed è facile cadere. Inoltre attenzione in curva; le prime curve vanno fatte piuttosto "piatte" perché il pedale interno ruotando continuamente corre il rischio di toccare terra quando sia nel punto più basso. Con l'esperienza imparerete a coordinare in modo da evitare questa coincidenza o, addirittura a far slittare la ruota posteriore per poter arrestare i pedali senza rallentare la bici. Roba da skater! Infatti sono stati gli skater i pionieri dello scatto fisso. 

Buon divertimento!

 

IL CONTROPEDALE

Spesso viene confuso con lo scatto fisso con cui NON ha nulla a che fare. C'è confusione perché sia in un caso che nell'altro si può frenare agendo sui pedali. In realtà le modalità di guida di una bici a scatto fisso e di una con il contropedale sono completamente differenti. 

Una bici con contropedale si guida come una comune bici ed, in definitiva E' UNA COMUNE BICI che, semplicemente, invece di avere un freno posteriore classico a filo e pinza, ha un dispositivo che, "contropedalando" rallenta la ruota posteriore. Si tratta di un mozzo molto spesso al cui interno si aprono delle alette per effetto della contropedalata; queste alette fanno attrito, dall'interno del mozzo, in modo da rallentare la ruota. 

gio

19

feb

2015

Single speed, scatto fisso, bici fixed ...

"Scatto fisso, bici a scattofisso, bici fixed, single speed, bici fissa. Ci sono differenze?".

Bici fixed (o fixed bike) è semplicemente il termine inglese usato per indicare una bici a scatto fisso.

Single speed sta per bici a singola velocità (senza cambio) e perciò una single speed non è necessariamente la scatto fisso dove i pedali e la ruota posteriore si muovono sempre solidali. Tuttavia, nella realtà odierna, ricorriamo all'uso del termine "single speed" solo quando ci vogliamo riferire ad una bici a scattofisso e quindi single speed è diventato sinonimo di scattofisso.

Bici fissa, infine, è un vero e proprio sinonimo di bici a scattofisso; ma vale la pena di dire che è il termine più "storico". Deriva dalla denominazione che avevano le bici dei nostri nonni (anzi dei nostri bisnonni e più) in tempi in cui le "comuni" bici erano tutte fisse ed allora, riferendosi alla "comune" bici, dicevano "la fissa". Oggi quel termine "la fissa" riferito alla bici, viene giocato alludendo alla fissazione per le bici fixed. Quindi mentre "la fissa" dei nostri avi era semplicemente la bici, "la fissa" di oggi è l'intreccio della bici con la fissazione che si porta dietro.

 

TUTTE LE BICI FIXED E RUOTA LIBERA MARGOT:

MARGOT WILD BOY
299,00 € 259,00 €
MARGOT AQUA
309,00 € 269,00 €
MARGOT DRAGONFLY
319,00 € 269,00 €
MARGOT ELDORADO
309,00 € 269,00 €
MARGOT LAMPO
309,00 € 269,00 €
MARGOT TIFFANY
309,00 € 269,00 €
MARGOT TORO LOCO
309,00 € 269,00 €
MARGOT BULLHORN
329,00 € 289,00 €
MARGOT SWAN FLUO
349,00 € 289,00 €
MARGOT ÄTHER
359,00 € 299,00 €

TUTTI GLI ACCESSORI BICI FIXED MARGOT:

Coppia MANOPOLE
12,00 € 9,00 €
Coppia COPERTONI
25,00 € 19,00 €
MANUBRIO
25,00 € 19,00 €
Coppia RUOTE NERE
120,00 € 109,00 €
Coppia RUOTE SILVER
120,00 € 109,00 €
Coppia RUOTE VERDI
120,00 € 109,00 €