CONVERSIONE A SCATTO FISSO

 

Per la tua sicurezza, raccomandiamo di far eseguire la conversione in modalità scatto fisso ad un tecnico qualificato.

Quanto segue, ha puro valore di riferimento.

 

 


Attrezzi necessari: chiave fissa n° 15 e brugola n° 3.

 

A bici rovesciata e poggiata a terra su manubrio e sella:

– Con la chiave 15, svitare i grossi dadi posti lateralmente che fissano il mozzo posteriore ai forcellini.

– Con la brugola 3, svitare le viti tendicatena integrate nel telaio rivolte in avanti.

– Far scorrere la ruota posteriore in avanti fino a poter sganciare la catena.

– Sfilare la ruota posteriore.

– Invertire i lati della ruota posteriore in modo da poter agganciare il pignone fisso alla catena.

– Infilare la ruota nel proprio alloggiamento ed agganciare la catena al pignone fisso.

– Avvitare una delle due viti tendicatena (quella del lato catena) per tendere appena un po’ la catena stessa.

– Avvitare l’altra delle due viti tendicatena della stessa entità di quella del lato catena.

 

Disporsi sul retro della bici in posizione tale da poter valutare l’equidistanza della ruota rispetto ad ognuno dei forcellini laterali.

Osservare su entrambi i lati e magari far girare un po’ la ruota.

In base a quanto si osserva, regolare la centratura agendo solla vite tendicatena avvitata per ultima (NON su quella che tende la catena).

A ruota centrata, avvitare i grossi dadi che fissano il mozzo ai forcellini; questi dadi vanno serrati BEN STRETTI.

 

 

A bici con le ruote poggiate normalmente a terra:

Puntare la bici con la ruota anteriore contro una parete ed in questo modo, a bici bloccata che non possa andare avanti, con entrambe le mani agire sui pedali con molta forza come a voler pedalare in avanti. In questo modo si serrerà il pignone fisso posteriore stringendolo ulteriormente sul mozzo, qualora già non lo fosse completamente.

 

È buona norma ripetere quest’ultima operazione di tanto in tanto, perché, nell’uso a scatto fisso, il movimento di contropedalata a frenare la bici, può tendere inevitabilmente a svitare un po’ il pignone fisso.

  Torna a Mozzo flip-flop

CONVERSIONE
A SCATTO FISSO

 

Per la tua sicurezza, raccomandiamo di far eseguire la conversione in modalità scatto fisso ad un tecnico qualificato.

Quanto segue, ha puro valore di riferimento.

 


Attrezzi: chiave fissa n° 15 e brugola n° 3.

 

A bici rovesciata e poggiata a terra su manubrio e sella:

– Con la chiave 15, svitare i grossi dadi posti lateralmente che fissano il mozzo posteriore ai forcellini.

– Con la brugola 3, svitare le viti tendicatena integrate nel telaio rivolte in avanti.

– Far scorrere la ruota posteriore in avanti fino a poter sganciare la catena.

– Sfilare la ruota posteriore.

– Invertire i lati della ruota posteriore in modo da poter agganciare il pignone fisso alla catena.

– Infilare la ruota nel proprio alloggiamento ed agganciare la catena al pignone fisso.

– Avvitare una delle due viti tendicatena (quella del lato catena) per tendere appena un po’ la catena stessa.

– Avvitare l’altra delle due viti tendicatena della stessa entità di quella del lato catena.

 

Disporsi sul retro della bici in posizione tale da poter valutare l’equidistanza della ruota rispetto ad ognuno dei forcellini laterali.

Osservare su entrambi i lati e magari far girare un po’ la ruota.

In base a quanto si osserva, regolare la centratura agendo solla vite tendicatena avvitata per ultima (NON su quella che tende la catena).

A ruota centrata, avvitare i grossi dadi che fissano il mozzo ai forcellini; questi dadi vanno serrati BEN STRETTI.

 

 

A bici con le ruote poggiate normalmente a terra:

Puntare la bici con la ruota anteriore contro una parete ed in questo modo, a bici bloccata che non possa andare avanti, con entrambe le mani agire sui pedali con molta forza come a voler pedalare in avanti. In questo modo si serrerà il pignone fisso posteriore stringendolo ulteriormente sul mozzo, qualora già non lo fosse completamente.

 

È buona norma ripetere quest’ultima operazione di tanto in tanto, perché, nell’uso a scatto fisso, il movimento di contropedalata a frenare la bici, può tendere inevitabilmente a svitare un po’ il pignone fisso.

  Torna a Mozzo flip-flop